Nel caso di manufatto abusivo realizzato nel cortile comune di un edificio, il responsabile dell’abuso deve risarcire della perdita di chance il condomino-promittente venditore della propria unità immobiliare laddove la vendita non sia andata a buon fine proprio per la presenza del manufatto realizzato senza titolo nello spazio condominiale. Secondo il Tribunale di Palermo con sentenza del 23 aprile 2015 la non conformità planimetrica determinata dalla costruzione di una porzione abusiva legittima la richiesta di danno.

Avv. Giuseppe Di Gangi

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

333 1454066